L’esposizione e l’ampiezza della parete esposta ad Est permette dinamica con venti relativamente deboli, dai 15 km/h fino ai 25 km/h. Le termiche del bacino, fra il decollo e l’atterraggio di Corbesassi, soleggiato nelle ore mattutine fino al primo pomeriggio, sono generose ottime per far quota e crossare verso altri luoghi.

 

Il monte più alto della Val Trebbia (1.680m s.l.m.), riconoscibile da ogni parte per il radiofaro utilizzato per la navigazione aerea situato sulla vetta. Il Monte Lesima è l'estrema punta meridionale della Lombardia.

Pare che Annibale, il condottiero Cartaginese, sia passato da qui e sarebbe stato ferito ad una mano dai Romani sul Monte Lesima, il cui nome ricorderebbe l'evento: Lesima= lesa - mano.

Voli stupendi nel periodo fra fine estate e tarda primavera quando le condizioni di vento dal quadrante Est offrono l’appoggio di termiche di valle su tutto il costone che parte dal Lesima ed arriva oltre Cima Colletta, fin sul Passo del Brallo. 

In tutta l’area di volo non esistono maniche a vento od altri segnali tranne qualche bindella, ma dal punto di decollo, l’atterraggio è ben visibile, a Sud del paese di Corbesassi vicino alla strada che porta ai Piani di Lesima e verso il decollo.

Il decollo posto a 1.640m s.l.m. è un ampio costone rivolto ad Est. Tutto il costone è decollabile. 

Sulla cresta, un ampio pianoro consente l’effettuazione di agevoli atterraggi (TOP) con vento frontale.

Il Volo

L’ampio costone esposto al quadrante di venti da Est offre notevoli possibilità di volo.

Il Decollo

L’Atterraggio

Pur in presenza di atterraggi a quote più basse nel fondovalle, è consigliabile l’atterraggio di Corbesassi, meno esposto a sottoventi e comodo per il recupero verso il decollo in tempi accettabili.

L’atterraggio (970m s.l.m.) è posto in una vasta area di terrazzamenti i cui confini sono bordati da cespugli bassi. Attenzione alle rose canine!

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.